United food of Rome sta a….come

united food of rome soulfood

United Food of Rome é l’ennesima epifania di Don Pasta,  capace attraverso il suo modo di   raccontarmi le cose di  aggiornare  la lista di temi importanti su cui dovrei riflettere. Mi batte sulla spalle per dirmi: “ United Food of Rome, é uno spettacolo per tutti. Il palco è piccolo, ma lo sai come sono fatto! esagero sempre! c’é un orchestra, la Soul Food Orkestar, ci metto sopra pure Dj Stile e i Fooders,non so mi spiego. Voglio che le immagini, video e suoni raccontino il cibo, quale minimo comune denominatore di storie, ricette, persone, disegnando un vero mappamondo a pochi passi da casa nostra, mia, anche se abito a Toulose” e poi ancora “ United Food of Rome è anche un documentario, chiedete a Marta, un giro del mondo in dieci interviste a dieci chef venuti da altrove, che per caso o per scelta hanno fatto del cibo la chiave per mettere radici e stabilire un contatto con Roma conservando allo stesso tempo quelle da dove sono venuti”
In realtà sento come se Don Pasta con il suo modo di fare vorrebbe dirmi “ United food of Rome, tutti insieme, in lungo e in largo, non si esaurisce allo scadere del terzo giorno, con la stessa durata del martedì e del mercoledì di coppa. Io ho semplicemente alzato il coperchio di una delle mie pesanti casseruole.  United food of Rome ha un presente, un passato e un futuro, tu ricordati di ricordare”.
Nella frase “tu ricordati di ricordare” si esplica ,secondo me, tutta l’attività del nostro gastrofilosofo in questione, impegnato costantemente a raccogliere le voci delle “storie” delle persone che incontra.

United food of Rome é una storia di immigrazione e di integrazione riuscita come il progetto “Fornelli d’italia” che ho scovato su una rivista datata 2010 in una delle mie tante valigie piene di carta. “Fornelli d’Italia” é un reportage fotografico  sugli Extra cuochi, cuochi non italiani che hanno fatto carriera nelle cucine dell’alta ristorazione italiana. Hanno sbaragliato/risolto la questione del  razzismo e dei pregiudizi con una semplice formula di causa effetto, una ricetta vecchia come il cucco valida per tutte le brigate del mondo “Se ti comporti bene, ti trattano bene, é una cosa reciproca”

Fornelli d’italia é stata una mostra, é stata a villa Borghese, é stata un anno fa, peccato non esserci stata.

In ogni caso, la mostra é il terzo capitolo di Crossworlds progetto culturale che come tema la vita degli stranieri in italia. Vi lascio il sito http://www.crossworlds.it. Lì trovate le foto e le storie degli extra cuochi e chi di chi tiene in vita questo progetto.

Un messaggio promozionale postumo all’iniziativa non so se c’era mai stato, se si fa se non si fa, ma questo progetto come il suo tema é senza tempo. Ecco che mi ritorna in mente il “ricordati di ricordare” del DonPa.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: