MICROCUCINA. Sin Fronteras.

In una galassia toscana poco lontana,  il Circolo the Fooders è appena passato.
Le valige sono già pronte per partire di nuovo ma lasciatemi spendere ancora due parole su Galatina, lo Streamfest e Microcucina.

Galatina, città d’arte.
Potete percorrerla a piedi, i suoi confini si vedono ad occhio nudo.
Il dieci agosto duemila e undici , in via Robertini, una stradina del centro, Microcucina  QR CODE VERSION é nata alle ore diciotto e zero zero.
Realizzare  lì, un’ installazione artistica  fatta di nuovi media é stata una sfida, come trovare l’acqua in un deserto, ma il contesto alla fine ci ha aiutato, merito dell’istinto di conservazione futuribile del nuovo mezzogiorno. L’urgenza di cambiare tutto, per far rimanere tutto com’é, almeno quello che c’é di buono.
La forza di Microcucina é stata quella di inserirsi, nel piccolo centro storico, con un’ operazione  che sta a metà tra il site specific e un processo di genius loci, dialogando con il contesto ambientale affinché l’opera d’arte ed il territorio si intrecciassero, senza farsi la guerra.
Ma il luogo fisico in sè per sè é stato solo uno specchio per le allodole.
Microcucina  non ha un centro, non ha un inizio o una fine, non ha una linea per terra da seguire, non è limitata, né tantomeno influenzata nei contenuti dallo spazio che l’accoglie.
Non é il museo dell’Hermitage o forse si.
Non ospita una delle più importanti “collezioni di “ o forse si.
Non richiede grandi sforzi, in questo caso, é bastato seguire un quadratino rosa fluo.
Microcucina é pensata come la borsa di Mary Poppins:  ha più contenuti di quanti il vostro bagaglio a mano o lo spazio ne possa contenere.

Siamo felici che Galatina ci abbia ospitato, ma Microcucina é concepita per essere itinerante e ovunque ci sembra un bel posto per chiedere asilo e portare avanti il progetto.
Per chi non ci avesse seguito fino a questo momento, Microcucina é un’ installazione, un microfestival che parla di cibo, di cibo e arte. Perché il cibo viene condiviso sempre. Non c’è una regola scritta ma tutti lo fanno. Il cibo, all’interno della società, regola i rapporti, li sviluppa, li consolida.
Qualche informazione in più la trovate qui >>> https://thefooders.wordpress.com/2011/08/03/microcucina-edizione-4/

Ringraziamo ancora una volta Reff, per la collaborazione a questa edizione di Microcucina e di tutte quelle future che verranno; l’organizzazione dello Streamfest per la disponibilità e tutti gli abitanti di Via Robertini che hanno acconsentito a farsi stickerare con i Qr Code le loro case dalle tinte pastello.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: